Ho presentato nuova istanza di accesso civico generalizzato

NELLE PUNTATE PRECEDENTI:
Il 30 novembre una persona vicina al Sindaco fa una festa nel Castello Comunale.
Io presento accesso agli atti il 23 dicembre per sapere se ha pagato.
Il Sindaco accoglie l’accesso agli atti ma non mi dà documenti che attestino il bonifico effettuato.
Io sollevo la questione e lui mi risponde che non mi dà più niente perché io non ne ho il diritto.
Ma come, prima ne ho diritto e poi non ne ho più?
Se non fosse vero, ci sarebbe da ridere.

Tuttavia nella prima parte di documenti (sbagliati) che mi aveva consegnato, c’era una ricevuta di un versamento di contanti fatta il giorno stesso in cui mi comunicavano che potevo andare a ritirare gli atti (che coincidenza!).
Tale versamento era di euro 500.
Quindi, da quanto ci dicono, ha versato 500 euro.
A chi? Quando? Come? Perché? Non è dato saperlo.

Allora con una nuova istanza glielo chiedo e lui mi risponde che ha pagato 147,40€ perché il Comune gliene doveva dare 352,40.
Sindaco, ma allora: hai pagato 500 o 147,40?

E se hai pagato 147,40, di chi era quel versamento di 500€ euro che mi avete consegnato la scorsa volta?

Oltretutto, perché dovevi prendere più di 350 euro dal comune? Nella mia istanza odierna ho chiesto anche questo: documenti che attestino il credito vantato dal Sindaco.

Sindaco, ti ho presentato una nuova istanza, è la volta buona che puoi far sapere a tutti come sono andate le cose.

La domanda resta la stessa: hai pagato o non hai pagato?

#SindacoDacciLeRicevute

Lascia un commento